Notizie

null Doppia preferenza, Del Giudice: “I tempi lunghi non siano il modo per farci desistere”

Notizie
Nr.: 2366 del 13/07/2020

Doppia preferenza, Del Giudice: “I tempi lunghi non siano il modo per farci desistere”

Appello di Patrizia Del Giudice, Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Puglia, ai consiglieri regionali al presidente del Consiglio Loizzo e al presidente Emiliano.

“Il prossimo 15 luglio giungerà in VII Commissione il provvedimento voluto e deliberato, lo scorso 9 luglio, dalla Giunta, in ordine alla doppia preferenza di genere.
Ciò che vogliamo sottolineare è che ci appare davvero tardivo l’iter che si palesa ancora ai nostri occhi per ottenere la indiscutibile modifica alla Legge elettorale in Puglia per le prossime elezioni previste per il 20 e 21 settembre prossimi. Vale la pena rammentare che dopo essere licenziato dalla VII Commissione, il provvedimento passa all’esame del Consiglio regionale per essere votato.
Da quanto ci riferiscono il Consiglio dovrebbe essere convocato il 28 luglio prossimo.
Alla luce di questi tempi lunghi ed estenuanti non vorremmo dover intendere che questo esercizio faccia parte di un disegno irricevibile, quello cioè di tirarla sino all’ultimo istante per rendere improponibili ed improbabili le candidature di genere femminile.
Se così fosse, ci corre l’obbligo di evidenziare che verrebbero meno, inequivocabilmente, gli elementi di parità oggettiva così tante volte richiamati.
A fronte dei ripetuti moniti della Camera dei deputati e del Governo alle regioni inadempienti rispetto alle previsioni elettorali sulla parità di genere, e in considerazione della possibilità del Governo di attivare in materia di violazione dei diritti civili i poteri sostitutivi ex art. 120 Cost. in caso di perdurante inerzia del Consiglio regionale, risulta evidente l'illegittimità di consultazioni elettorali che si svolgano in violazione dei principi costituzionali e in violazione delle disposizioni della legge n. 20/2016, che la Commissione pari opportunità regione Puglia assieme alla rete delle donne e dei comitati nati per questo scopo, farà valere in tutte le opportune sedi a tutela del diritto fondamentale alla parità di genere”.